Arnaud Demare

Arnaud Demare: Chetoni, non tutti abbiamo le stesse restrizioni

Stagione non felicissima per Arnaud Demare, privo di vittorie al Tour di Cavendish e “salvato” dalla bella vittoria alla Parigi-Tours davanti al connazionale Franck Bonnamour.

Nei suoi pensieri, nella lunga intervista concessa a Le Parisien, ha parlato di chetoni, e di come la sua squadra, la Groupama-FDJ, in accordo con l’MPCC (movimento per un ciclismo credibile) si rifiuti di farne uso.

«Non tutti hanno le stesse restrizioni su alcuni prodotti come i chetoni. Faccio parte di una squadra che ha preso degli impegni, come altri. Ma l’intero gruppo non è come noi».

Non si parla di doping, ma il tema è affrontato con durezza dal re della Sanremo 2016: «Incontrare qualcuno più forte di te fa sempre parte del gioco. Ma in questa stagione, dalla Parigi-Nizza in poi, ho scoperto che si stava viaggiando ad un ritmo davvero forsennato. In un solo anno, il ritmo è davvero accelerato».

I team del World Tour che aderiscono all’MPCC accettandone le regole sono dieci: Cofidis, Qhubeka NextHash, Team DSM, Lotto Soudal, Bora-Hansgrohe, AG2R Citroën, EF Education-Nippo, Israel Start-Up Nation e Intermarché-Wanty-Gobert Matériaux.

Dalla nascita del movimento nel 2007, dei Grandi Giri solo 5 sono finiti a rappresentanti del movimento, ultimo caso Tom Dumoulin al Giro d’Italia del 2017.

Rispondi